Emicrania, individuate 44 varianti Dna legate al disturbo

Ricercatori australiani e americani hanno collegato 44 varianti di Dna all’insorgenza dell’emicrania, una scoperta che promette di migliorare il trattamento di un disturbo fra i più diffusi e debilitanti nel mondo, caratterizzato da mal di testa ricorrenti e dolorosi. La maggior parte dei pazienti sono persone sane fra un episodio e l’altro, il che rende difficile la diagnosi e il trattamento. Gli studiosi guidati da Dale Nyholt dell’Institute of Health and Biomedical Innovation, Queensland University of Technology, in collaborazione con Aarno Palotie del Broad Institute di Boston, hanno confrontato 8 milioni di varianti di Dna di 60 mila pazienti di emicrania, con un gruppo di controllo di 316 mila persone tratte da 22 differenti studi genomici, per meglio comprendere quali variazioni genetiche specificamente causano emicrania. «Le esatte cause dell’emicrania sono sconosciute e non vi sono segni riconoscibili, diagnostici e patologici», scrive Nyholt su Nature Genetics. «Non sappiamo quale sia la biologia e cosa faccia scattare il disturbo, ma studi di gemelli e di gruppi familiari indicano che l’emicrania ha una significativa componente genetica». «Ora cerchiamo una particolare variante di Dna che sia più frequente nei casi di emicrania, in confronto con il gruppo di controllo», aggiunge lo studioso. «Questo ci darà una conoscenza biologica e potremo quindi esaminare i gruppi per vedere se possiamo puntare a questo specifico percorso e formulare un migliore trattamento». (ANSA)