Esercizio e no aumento peso per evitare ritorno tumore seno

L’esercizio fisico è l’arma più efficace, in termini di cambiamento di stile di vita, per ridurre il rischio che il cancro al seno ritorni. Accanto a questo anche una maggiore attenzione al peso, che non deve aumentare. A evidenziarlo è uno studio del Sunnybrook Health Sciences Centre, in Canada, pubblicato sulla rivista Canadian Medical Association Journal. Gli studiosi hanno revisionato 67 articoli sul tumore al seno, le chances di sopravvivenza e al rischio di recidive, e la correlazione con la dieta, l’esercizio, il peso e il fumo. Dai risultati è emerso che in particolare, per quanto riguarda l’attività fisica, l’impegno richiesto è di 30 minuti al giorno se moderata, per cinque giorni a settimana, oppure di 75 minuti settimanali se intensa. Relativamente al peso, invece, lo studio indica che bisogna evitare un aumento, durante e dopo i trattamenti per il cancro. «L’aumento di oltre il 10% di peso corporeo dopo una diagnosi di cancro al seno aumenta la mortalità per la neoplasia e per tutte le cause. Ci sono buone ragioni per scoraggiarlo anche in modo moderato a causa degli effetti negativi sull’immagine corporea» evidenziano le ricercatrici, Ellen Warner e Julia Hamer. Per la dieta, non vi è un regime alimentare specifico che si è dimostrato particolarmente utile per prevenire il ritorno del cancro al seno. Tuttavia l’indicazione è non evitare la soia, che anzi potrebbe essere una valida alternativa alla carne, più ricca di calorie. Infine, un consumo moderato di vitamina c può aiutare mentre la vitamina d è utile per rafforzare le ossa, in quanto la chemioterapia e i trattamenti ormonali possono ridurre proprio la densità ossea. E’ poi opportuno non fumare e limitare l’alcol a un drink o meno al giorno. (ANSA)