[av_hr class=’custom’ height=’50’ shadow=’no-shadow’ position=’center’ custom_border=’av-border-none’ custom_width=’25px’ custom_border_color=” custom_margin_top=’1px’ custom_margin_bottom=’1px’ icon_select=’no’ custom_icon_color=” icon=’ue808′ font=’entypo-fontello’]
[/av_three_fifth]

Sanità: nel 2016 tre famiglie su 10 hanno “tagliato” cure

Nel 2016 tre famiglie su 10 hanno ritardato o rinunciato alle cure. E’ quanto emerge dal 14/mo Rapporto annuale “Ospedali & Salute 2016”, presentato oggi a Roma dall’Associazione Italiana Ospedalità Privata (Aiop). Dall’indagine condotta quest’anno sui care-giver emerge come il 16,2% delle famiglie italiane ha infatti rimandato una o più prestazioni nel 2016 (fenomeno che ha coinvolto tra 4 e 8 milioni di persone) e che il 10,9% delle famiglie ha invece rinunciato a curarsi, (con 2,7-5,4 milioni di persone interessate). La causa è presto detta. Dal 2009 al 2015 sono aumentati infatti i costi a carico dei cittadini, con le visite intramoenia a pagamento presso gli Ospedali pubblici cresciute del 21,9%, i ticket per le prestazioni aumentati del 40,6% e i ticket per i farmaci del 76,7%. Tutto ciò, sottolinea il rapporto, “ha spinto i pazienti a rimandare o a rinunciare alle cure, a cercare soluzioni alternative presso le strutture private, accreditate e non; a ricorrere a strutture ospedaliere presenti in altre regioni rispetto a quella di residenza”. «La rinuncia alle cure – commenta Gabriele Pelissero, presidente Aiop – alimenta le preoccupazioni sul possibile peggioramento nel medio periodo dello stato di salute della popolazione, comportando in futuro ripercussioni negative anche sui costi». (ANSA)

Iscriviti subito alla nostra newsletter.

Resta aggiornato sui prossimi articoli

Privacy policy *
Grazie per la tua richiesta
Si è verificato un errore durante il tentativo di inviare il tuo messaggio. Per favore riprova più tardi.

Leggi anche

Prenota subito uno dei nostri servizi.

oppure contattaci subito su Whatsapp 388 6592154

Prenota