[av_hr class=’custom’ height=’50’ shadow=’no-shadow’ position=’center’ custom_border=’av-border-none’ custom_width=’50px’ custom_border_color=” custom_margin_top=’20px’ custom_margin_bottom=’25px’ icon_select=’no’ custom_icon_color=” icon=’ue808′ font=’entypo-fontello’]
[/av_three_fifth]

Troppo fruttosio è come l’alcol per il fegato dei bambini

Troppo zucchero rischia di trasformarsi in “veleno” per il fegato dei bambini. Il pericolo arriva dal fruttosio, aggiunto ai cibi e alle bevande, capace di scatenare dei meccanismi simili a quelli dell’alcol. Ogni grammo in eccesso rispetto al fabbisogno giornaliero (circa 25 grammi) accresce di una volta e mezza il rischio di sviluppare malattie epatiche gravi. Lo sostengono i ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù che hanno dimostrato i danni del fruttosio sulle cellule del fegato dei più piccoli. I risultati dell’indagine sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Journal of Hepatology. A differenza del glucosio, che può essere utilizzato quasi da ogni cellula del nostro corpo, il fruttosio può essere metabolizzato solo dal fegato, perché esso è l’unico organo in cui è presente il suo trasportatore. Lo studio è stato condotto su 271 bambini e ragazzi affetti da fegato grasso. In 1 su 2 gli esami effettuati hanno rilevato livelli eccessivi di acido urico in circolo. «L’elevato consumo di zucchero è associato a numerose patologie come obesità, diabete e malattie cardiovascolari. Ma poco si sapeva del suo effetto sul tessuto epatico» spiega Valerio Nobili, responsabile Malattie Epato-metaboliche del Bambino Gesù. (ANSA)

Iscriviti subito alla nostra newsletter.

Resta aggiornato sui prossimi articoli

Privacy policy *
Grazie per la tua richiesta
Si è verificato un errore durante il tentativo di inviare il tuo messaggio. Per favore riprova più tardi.

Leggi anche

Prenota subito uno dei nostri servizi.

oppure contattaci subito su Whatsapp 388 6592154

Prenota