Uva rossa, rosmarino e curcuma contro tumore prostata

Uva rossa, frutti di bosco, rosmarino, curcuma, mele di cui utilizzare la preziosa buccia. Ecco come anche partendo dall’alimentazione e da alcuni cibi che contengono preziosi composti naturali si può ostacolare la crescita del cancro della prostata e persino prevenirlo. A evidenziarlo una ricerca dell’Universita’ del Texas a Austin, pubblicata sulla rivista Precision Oncology. I ricercatori hanno inizialmente testato 142 composti naturali sulle linee cellulari di topi e umane per vedere se inibissero la crescita delle cellule tumorali della prostata quando somministrate da sole o in combinazione con altre. I principi attivi più promettenti sono stati quindi testati sul modello animale: acido ursolico, un prodotto chimico naturale nelle bucce di mele e rosmarino; curcumina, un composto vegetale giallo brillante della curcuma; resveratrolo, un composto naturale comune a uve rosse o frutti di bosco. «Questi nutrienti hanno potenziali proprietà anticancro e sono prontamente disponibili- spiega Stefano Tiziani, uno degli autori dello studio – abbiamo solo bisogno di aumentare la concentrazione al di là dei livelli riscontrati in una dieta sana per un effetto sulle cellule tumorali della prostata». Dalla ricerca è emerso inoltre che combinando l’acido ursolico con la curcumina o il resveratrolo si impedisce alle cellule tumorali di nutrirsi di qualcosa di cui hanno bisogno di crescere, la glutammina. (ANSA)