Ok a prima pillola digitale, sensore controlla se viene presa

Rivoluzione nella farmacologia: la Food and drug administration (Fda) ha approvato la prima pillola “digitale”. Si tratta di un farmaco con un sensore interno che permette ai medici di controllare se i pazienti lo assumono come prescritto. La prima pasticca a ricevere l’ok dell’Agenzia Usa è il prodotto anti-psicotico a base di “aripiprazole”, prescritto per disordini bipolari e schizofrenia. La decisione, secondo molti, solleva dubbi di carattere etico e timori di discriminazioni da parte di aziende e datori di lavoro. Secondo gli esperti, la cosiddetta “non-aderenza” ai trattamenti ordinati dai medici (ossia saltare le medicine o prenderle non a sufficienza) causa costi pari a 100 milioni di dollari negli Usa. La nuova pillola – chiamata “Abilify MyCite” – è prodotta in collaborazione dal produttore (Otzuka) dell’ “aripiprazole” chiamato “abilify” in America, e “Proteus Digital Health”, l’azienda che ha creato il sensore.

Credits to: Ansa
Photo by Vladislav Muslakov on Unsplash

Iscriviti subito alla nostra newsletter.

Resta aggiornato sui prossimi articoli

Privacy policy *
Grazie per la tua richiesta
Si è verificato un errore durante il tentativo di inviare il tuo messaggio. Per favore riprova più tardi.

Leggi anche

Prenota subito uno dei nostri servizi.

oppure contattaci subito su Whatsapp 388 6592154

Prenota