Creata nuova classe antibiotici efficace contro super-germi

Si chiamano “nusbiariline” e rappresentano una potenziale nuova classe di antibiotici super potenti che potrebbero combattere i batteri più temuti, quelli multi-resistenti, contro cui gli antibiotici oggi disponibili possono poco o nulla. Sviluppate dal gruppo di Cong Ma dell’Università Politecnico di Hong Kong in uno studio riportato sulla rivista Bioorganic Chemistry, le nusbiariline hanno un bersaglio e un meccanismo d’azione del tutto nuovi rispetto agli antibiotici oggi in uso, perché funzionano bloccando l’interazione di due molecole fondamentali al patogeno per sintetizzare proteine, la coppia NusB-NusE.

Gli esperti sono partiti proprio dalla struttura tridimensionale di NusB-NusE e sulla base di essa hanno selezionato tra 5000 molecole quella che si legasse meglio a NusB-NusE. Trovata la prima nusbiarulina ne hanno sintetizzate molte altre simili e poi le hanno testate in provetta su cellule umane infettate dal pericoloso Stafilococco MRSA. È emerso che già a dosi bassissime, molte volte più basse di quelle oggi necessarie per rendere efficaci i pochissimi antibiotici ancora utilizzabili contro questo patogeno, le nusbiaruline sono efficaci contro il batterio e non sono tossiche perché nelle cellule umane non esiste la coppia NusB-NusE.

«La nostra ricerca è adesso nella fase di studio su modelli animali – ha detto Ma – per testare efficacia e farmacocinetica delle nusbiaruline. Questi sono passaggi cruciali prima di avviare i trial clinici su pazienti. I risultati che abbiamo raggiunto finora sono davvero promettenti – conclude -. Crediamo che questi composti porteranno un contributo enorme alla lotta ai super-germi».

Credits to: Ansa
Foto di Ulrike Leone da Pixabay